Rotastyle

A Stoneleigh Park dal 12 al 14 giugno

Atmosfere medievali per la NFE (Parte 2 di 3)

Non eravamo certamente gli unici stranieri e men che meno gli unici italiani: non si poteva certo non notare le inconfondibili ed eleganti autofunebri Pilato che spiccavano al centro del Padiglione 1 catalizzando, come prevedibile, l’interesse di moltissimi visitatori. Nel padiglione 2 faceva invece bella mostra lo stand di Pubblipel Ricciarelli condiviso con l’azienda Errevieffe, produttrice di maniglie e di accessori. Pienamente soddisfatto Mister Ricciarelli per l’accoglienza estremamente positiva delle sue creazioni dedicate al momento del ricordo (libri firma, cofanetti, portaritratti, …) caratterizzate da materiali e colori innovativi e da linee pulite e ben rifinite. Una ventata di novità nell’oggettistica di questo genere, ancorata nel mondo anglosassone a modelli molto più tradizionali e standardizzati. Il Made in Italy è stato esaltato anche dalle urne d’alto artigianato di Art Funeral Italy, distribuite dalla britannica JC Atkinson & Sons, e da quelle di Amuela, ospitate nello stand di Pludra. Un piccolo, ma alquanto significativo assaggio della capacità creativa delle nostre aziende, pronte a rinnovarsi e a reinventarsi con proposte sempre nuove e stimolanti.
Il salone inglese si differenzia rispetto a quelli delle altre nazioni per la presenza considerevole nell’area espositiva di associazioni dedite alle opere pie, le cosiddette charity, e per la partecipazione dell’istituzione stessa della Chiesa di Inghilterra. A questo proposito è interessante sapere che nella terra della Regina Elisabetta la Chiesa non è deputata allo svolgimento dei funerali solo per quanto riguarda il servizio religioso, ma è coinvolta anche nella loro organizzazione pratica, con funzioni similari a quelle di una impresa funebre privata, tanto che nella loro struttura interna esiste un dipartimento specifico per i funerali. Per questo motivo non ci si deve stupire se nei corridoi della mostra si è incontrato un numero ragguardevole di visitatori appartenenti al clero o alle parrocchie.
Numerosi comunque gli stand di prodotto che hanno presentato la gamma completa della merceologia di settore. La parte da leone spetta alle urne cinerarie, presenti in ogni foggia e materiale. L’urna è l’oggetto che maggiormente stimola la creatività e la fantasia dei designer e a Stoneleigh ne abbiamo viste di veramente particolari come quelle dalle forme sinuose di Urns UK, quelle più classiche intagliate direttamente nel legno di Phil Irons oppure quelle molto raffinate in metallo martellato di Water Urn, per non parlare della varietà proposta dall’azienda tedesca Pludra e dall’olandese Funeral Products che distribuisce quanto di meglio presente sul mercato internazionale. Molte le urne destinate anche a raccogliere le ceneri degli animali da compagnia: la sensibilità verso i pets, radicata nella cultura anglosassone, non tralascia di prestare particolari attenzioni anche al momento della loro scomparsa. In fiera presente anche l’Association of Private Pet Cemeteries & Crematoria, che non solo si occupa delle spoglie mortali dei nostri piccoli amici, ma garantisce che nella fase dell’incenerimento più carcasse non vengano poste contemporaneamente nello stesso forno, assicurando i proprietari che le ceneri che ricevono alla fine sono effettivamente quelle del loro animale. Il funeral pet è un argomento che verrà trattato anche durante le prossime giornate dell’International Funeral Industry Convention di Bologna, per far conoscere alle imprese italiane questo importante servizio per la collettività che rappresenta una grande opportunità, ancora sottovalutata e poco diffusa, di diversificare e di ampliare il proprio lavoro soddisfacendo al contempo una richiesta sempre più sentita e ricorrente.
 
Raffaella Segantin


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore