L’Uomo Ragno non potrà regalargli l’ultimo sogno

La decisione della Disney di negare l’incisione dell’immagine del supereroe sulla lapide di un piccolo fan di soli 4 anni sta commovendo il mondo.

Dopo l’inquietante scoperta della pratica, non così inconsueta, dello spargimento delle ceneri all’interno dei parchi Disney statunitensi, il mondo dei cartoons è ancora al centro di polemiche. Protagonista questa volta è Spiderman, ovvero l’Uomo Ragno, il supereroe che fa parte anch’esso della famiglia Disney. Vediamo cos’è successo.

La storia di Oliver Jones, un bel bambino inglese dallo sguardo luminoso e dal volto sorridente, purtroppo inizia e si conclude molto presto: ha solo quatto anni quando muore, lo scorso dicembre, a causa di una rara malattia genetica. Nella sua breve vita ha avuto un’autentica passione per l’Uomo Ragno, un grande amore per questo personaggio compagno dei suoi giochi e delle storie fantastiche che gli hanno donato momenti di gioia durante la sua malattia.

Un dolore immenso la scomparsa del piccolo Ollie per i genitori e i fratelli. Per questo hanno voluto salutarlo come avrebbe amato, organizzando un funerale che aveva quasi i connotati di una festa di compleanno: una carrozza decorata con palloncini rossi e blu e un figurante vestito da Spiderman. Al momento di commissionare la tomba nel cimitero di Maidenstone, nel Kent, è stato chiesto che sulla lapide potesse venire incisa la figura del leggendario eroe, quasi a rendere il sonno eterno del bimbo più dolce e rassicurante.

Volendo fare le cose in modo corretto, il padre Lloyd Jones si è rivolto agli uffici preposti della Disney per avviare le pratiche di autorizzazione al fine di non incorrere nella violazione delle leggi sul copyright. Forse si aspettava di dover attendere molti mesi prima di ottenere una risposta o di dover pagare una cifra significativa per i diritti di utilizzo; di certo non si aspettava un netto rifiuto, giunto un paio di mesi fa. Un duro colpo per la famiglia di Ollie, già così duramente provata.
“I bambini contano solo quando sono vivi? - si chiede incredulo Lloyd Jones affidando il suo sfogo alle pagine di Facebook - Pensano solo ai soldi, sanno che ora che Ollie se n’è andato non ne spenderemo più e a loro non importa nulla” e continua “L’ultimo viaggio di Ollie fuori dall’ospedale è stato a Disneyland, volevo solo qualcosa di un po’ speciale per lui, era il mio orgoglio e la mia gioia”.

La giustificazione del colosso americano, argomentata nella risposta alla famiglia, adduce a motivi di policy aziendale che vieta l’uso dei cartoons e dei prodotti Disney in generale su bare, urne cinerarie e simboli commemorativi per preservare la magia e l’innocenza del suo eroe, anche se non è certo quest’ultimo a morire. Come a dire che la sola idea della morte deve stare alla larga per timore che anche la minima associazione possa corrompere quel mondo perfetto dove regna un’atmosfera di idilliaca felicità (a questo proposito si pensi che quando c’è stata la possibilità di acquistare mattoncini personalizzati da collocare nei parchi a tema Disney, la condizione era che non vi comparissero mai diciture del tipo “in memoria di..”). Un tabù che non deve essere violato nemmeno per esaudire l’ultimo desiderio di un piccolo fan e dare sollievo ad una famiglia distrutta dal dolore, che non trova motivazioni sufficienti a questo diniego lasciando una ferita ancora aperta e una strada tutta in salita nel processo dell’elaborazione del lutto.

“Non possiamo andare avanti finché non avremo fatto la sua lapide - afferma ancora il signor Jones - l’Uomo Ragno è stata l’intera vita di Ollie, lo ha amato così tanto”. Per questo un amico della famiglia ha lanciato una petizione pubblica online allo scopo di raggiungere un numero di firme tale per far cambiare idea alla Disney. Ci riusciranno? Sarà difficile, ma ci auguriamo vivamente di sì. Siamo certi che se Spiderman fosse vero sarebbe stato il primo firmatario perché un supereroe che ha a cuore il bene dell’umanità non può fallire una missione così delicata e sarebbe felice di vegliare il piccolo Ollie per sempre.
 
Alessandra Natalini


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022