I sogni di Barcellona

Anche se può sembrare un paradosso, conoscere la morte e i suoi aspetti culturali e sociali è un modo per conoscere la vita di una società. I cimiteri sono, in molti casi, parte e riflesso della storia di una città. Per questi motivi e per avvicinare i cittadini ai cimiteri in quanto luoghi pieni di storia e di vita, e depositari della memoria collettiva, l'azienda Cementiris de Barcelona ha dato avvio al progetto "il percorso dei cimiteri" con l'inaugurazione di itinerari guidati al cimitero di Montjuïc, il più conosciuto fra quelli della città.
Il 5 giugno 2008 più di trecento persone, prima di procedere ad una visita guidata, hanno assistito alla esecuzione di due brani musicali composti da Bárbara Granados e intitolati "Cementerio es ciudad" e "Ciudad sonora, ciudad callada".
L'itinerario di Montjuïc valorizza gli aspetti fondamentali che questo cimitero, che ha raggiunto l'apice del proprio sviluppo fra il 1883 e il 1936, occupa nell'immaginario degli abitanti di Barcellona ed è considerato un omaggio della città odierna a quella di 125 anni fa contribuendo al recupero del proprio passato e proponendo una riflessione sulla propria identità attuale e sul proprio futuro.
La passeggiata presenta il cimitero di Montjuïc, progettato dall'architetto Leandro Albareda, come uno spazio straordinario di immagini oniriche individuali e collettive, dove la città sogna altre Barcellona a livello politico, sociale e culturale.
Non è un itinerario solo per la città storica, ma anche per quella pensata da industriali e banchieri, politici, artisti, pittori e scrittori, e da tutti coloro che parteciparono ai diversi movimenti culturali e sociali. Per tale motivo il progetto è intitolato "I sogni di Barcellona".
Tre itinerari, nei quali le tombe sono state segnalate in maniera indipendente rispetto alla segnaletica generale, possono essere seguiti grazie ad una brouchure gratuita o ad una guida pubblicata appositamente e nella quale è possibile trovare tutte le informazioni sul cimitero e sul suo parallelismo con la città.
Il percorso artistico (architettura, scultura ed arti applicate), segnato con il colore azzurro, è costituito da 40 tombe e include una grande varietà di monumenti funerari di stili diversi (modernista, neo-egizio, neogotico, realista) e di eccellente valore artistico, realizzati dai più importanti architetti e scultori dell'epoca.
Il percorso storico propone 48 tombe, segnalate in rosso, che appartengono a personalità di grande rilievo politico, sociale e culturale vissute nel periodo compreso tra il 1883 e il 1936 e che nella maggior parte dei casi hanno rivestito un ruolo fondamentale nell'immaginario collettivo per aver lasciato una impronta nella storia dei movimenti sociali ed artistico-culturali.
Il percorso misto comprende 37 tombe ed è stato concepito come una mostra che esalta la ricchezza del cimitero: propone una selezione di tombe di interesse artistico e storico scelte fra quelle incluse negli altri due percorsi.

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022