Per aiutare chi perde un animale

Un nuovo servizio on-line

I legami affettivi che vengono stabiliti con gli animali da compagnia sono altrettanto forti (e talvolta più forti) di quelli intrattenuti con le persone care. Per questo motivo quando i nostri amici animali muoiono viviamo un lutto che dobbiamo elaborare con modalità e con tempi molto simili a tutti gli altri lutti della nostra vita. Possiamo essere favoriti dal fatto che è più “facile” sostituire un cane, un gatto, un canarino, un criceto, una tartaruga o un pesce piuttosto che un essere umano. Abbiamo con il nostro animale un “legame di attaccamento” che consiste nell’attaccarsi ad esseri viventi, cose, situazioni, condizioni esistenziali o ruoli che soddisfano bisogni di adattamento e che, quando si spezza, provoca un disadattamento che si supera “sostituendo” l’attaccamento con altri altrettanto “efficaci”. Se invece siamo legati ai nostri animali come se fossero un qualcosa che ci manca e che vorremmo essere (ad esempio la fedeltà di un cane o l’apparente autismo di un gatto), allora ce li portiamo dentro, li facciamo diventare parte di noi e non sarà possibile sostituirli quando muoiono perché sono diventati unici, e quindi insostituibili. In tali casi il consiglio che tutti tendono a darci di fronte al dolore per la morte del nostro animale preferito, e cioè che sarebbe meglio prenderne un altro, non è efficace perché sentiremo che quello perduto era unico per noi e non avremmo voluto che morisse mai o addirittura ci sentiremmo in colpa se lo sostituissimo. Per elaborare il lutto dovremo ritagliare nel nostro animo un posticino per l’amico che non c’è più e farlo vivere dentro di noi sentendo così che nessuno ce lo potrà mai togliere. Se, infine, ci legheremo ai nostri animali per la tenerezza che ispirano e non per i bisogni che soddisfano, cioè se li teniamo accanto a noi “per il loro bene” e non per il nostro (come può accadere quando accogliamo e accudiamo un cane abbandonato o che nessuno vuole senza averne nessun bisogno), quando moriranno potremo continuare a ricordarli e a voler loro bene senza bisogno di sostituirli o di farli vivere dentro di noi.
Ciascuna di queste modalità di elaborazione (che valgono per tutti i tipi di perdita) può svolgersi normalmente o incontrare ostacoli:
1. per sostituire un “attaccamento” con un altro bisogna sciogliere il legame precedente e distaccarsi dall’animale morto. Ma il lutto può essere ostacolato da un difficile distacco (quando l’attaccamento faceva stare “troppo” bene o tanto più quanto più è stato traumatico il distacco) o dalla difficoltà di attaccarsi ad un altro animale (quando non si riesce a trovarne un altro che soddisfi come quello che non c’è più);
2. per portare e fare vivere dentro di sé l’animale morto non bisogna avere troppi sensi di colpa o essere troppo arrabbiati (come invece può accadere quando ci si incolpa per non aver portato in tempo l’animale dal veterinario o perché l’animale è morto perché è scappato infrangendo un divieto che gli avevamo insegnato a rispettare);
3. per poter continuare a voler bene all’animale perduto e ricordarlo senza bisogno di sostituirlo o di farlo vivere dentro di sé, bisogna poterne parlare liberamente quando se ne ha la necessità, guardarne le foto, far visita alla sua piccola tomba (ma vi possono essere circostanze sfavorevoli o può accadere di vivere con qualcuno che si addolora troppo nel parlarne o nel ricordare e che non ci aiuta).
In tutti questi casi il lutto tende ad essere ritardato o a bloccarsi (con le conseguenti sofferenze psicologiche) e si può aver bisogno d’aiuto.
Proprio per venire incontro a questo bisogno il “Servizio di aiuto psicologico per le situazioni di crisi” del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna (in collaborazione con la facoltà di Medicina Veterinaria e con il sostegno della Fondazione Del Monte di Bologna) ha istituito un Servizio sperimentale on-line (progettoriviverepet@libero.it) allo scopo di rispondere (con due psicologhe preparate ad hoc) alle richieste di coloro che trovano ostacoli nell’elaborazione psicologica della perdita di un animale da compagnia.
 
Francesco Campione

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022