Nuovi Rituali per i funerali

Su Cittanostra del 3 novembre 2002 è stata pubblicata una autorevole presentazione di Monsignor Luigi Manganini sul tema di un rinnovato rituale per i funerali. L'argomento è importantissimo e molto sentito da tutti e le modifiche evidenziate nell'intervento sono tutt'altro che marginali.
Questo il testo di Monsignor Manganini.

Il rito delle esequie è stato recentemente oggetto di una ristampa aggiornata. Dove sta l'aggiornamento? In primo luogo sono state riviste alcune monizioni introduttive, che ora hanno un respiro più biblico e anche un linguaggio più vivo.

Ovviamente tutta la parte relativa a orazioni, canti, responsori e litanie viene mantenuta conforme al testo approvato e confermato dalla Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, anche se per praticità accanto alla formulazione maschile è stata prevista la variante al femminile.

La seconda novità è costituita dal fatto che questo testo può essere usato anche per le celebrazioni esequiali in presenza dell'urna cineraria. Il Direttorio su pietà popolare e liturgia, pubblicato dalla citata Congregazione, pur ribadendo la preferenza per l'uso della inumazione nella sepoltura del fedele, consente che, cremato il cadavere, sia data la "consueta sepoltura". Per questo motivo il paragrafo 8 della Costituzione 83 del Sinodo Diocesano 47° è stato parzialmente abrogato. Il nuovo paragrafo suona così: "la sepoltura per inumazione è da preferirsi; sia accolta l'eventuale richiesta di benedizione delle ceneri quando vengono riposte nel sepolcro".
v In altre parole, non è più prescritto che il rito del funerale venga celebrato prima della cremazione stessa. Pertanto, per celebrare le esequie "in presenza dell'urna cineraria" non è richiesto l'uso di particolari formule, ma si può ricorrere a quelle prescritte dal rituale, facendo attenzione alle piccole modifiche che sono opportunamente indicate. La terza novità consiste nel fatto che alle Premesse sono stati aggiunti degli Orientamenti pastorali concernenti i Criteri per la celebrazione della Messa esequiale e i Criteri per la celebrazione delle Esequie in caso di cremazione.

Per quanto concerne il primo problema, sappiamo come la celebrazione della Eucaristia durante i funerali sia oggetto di molte discussioni pastorali.

Nel testo citato si possono trovare degli orientamenti autorevoli.

Si tenga presente quanto è scritto per la celebrazione dei funerali il giovedì, il venerdì e il sabato santo. Per quanto concerne il problema delle Esequie in caso di cremazione, gli Orientamenti pastorali si dilungano opportunamente, affinché questa pastorale sia compiuta a partire da una conveniente catechesi, nel rispetto della volontà del defunto e nella crescita della fede della comunità.
 
Luigi Manganini
Vicario Episcopale della Diocesi di Milano per l'evangelizzazione, i sacramenti e la pastorale

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022