Inaugurato a Parma il nuovo Tempio di cremazione

Progettazione e tecnologia di avanguardia al servizio dei cittadini

È stato inaugurato il 30 aprile il nuovo Tempio di Cremazione di Parma. Costruito alle porte della città, a lato del cimitero di Valera, è un intervento voluto dall’Amministrazione Comunale e dalla società Il Tempio srl, che ha come soci Enìa e la Coperativa Unieco, su progetto dell’Architetto Paolo Zermani. I lavori, iniziati nel dicembre 2007, sono stati effettuati da Unieco: l’edificio è di 1.500 metri quadrati e sorge su un’area comunale in concessione con diritto di superficie per complessivi 4.400 metri quadri. Realizzato con la formula del project financing, è costato circa 3,3 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 400mila euro stanziati dal Comune di Parma per l’esproprio dell’area e per interventi esterni di urbanizzazione. La concessione ha durata di 27 anni.
Se prima i cittadini parmigiani erano costretti a rivolgersi alle strutture di altre province o addirittura di altre regioni, oggi potranno usufruire di un impianto dotato di altissimi standard tecnologici e che, a regime, potrà effettuare oltre 2.000 cremazioni all’anno, in risposta a una domanda sempre più diffusa. Nel 2008 i crematori di Mantova e di Reggio Emilia hanno cremato 395 salme provenienti dal comune di Parma e 173 in arrivo da altri comuni della provincia. Nel 2007 i dati erano rispettivamente 354 e 128. In termini percentuali l’incidenza della cremazione nel capoluogo è attorno al 19-20% e nel resto della provincia del 5,6%.
Il Tempio è stato progettato dall’Architetto Paolo Zermani, parmigiano, professore ordinario di Progettazione Architettonica presso la Facoltà di Architettura di Firenze e autore di opere di grande rilievo internazionale tra cui il Cimitero di Sansepolcro, la Chiesa dei Francescani a Perugia, il Museo storico di San Galgano a Siena, la Ricostruzione del Castello Sforzesco di Novara.
Il progetto prevede, oltre ai locali tecnologici, anche una Sala per il Commiato e, sull’esterno, il Giardino del Ricordo dotato di un apposito elemento architettonico per la dispersione delle ceneri, con una ampia area verde con vasche d’acqua che filtra attraverso sassi di fiume. Esso rappresenta, per l’estrema qualità delle soluzioni tecniche e di accoglienza adottate, un’opera moderna rispetto agli impianti esistenti in Italia. Va inoltre sottolineata una precisa volontà di attenzione al Rito del Commiato e all’attesa da parte dei familiari dei defunti.
La gestione operativa del crematorio è affidata alla società Ser.Cim., individuata come soggetto ideale in quanto dotata di grande esperienza nel settore cimiteriale, in particolare nella cremazione, occupandosi già degli impianti di Brescia e di Spinea (VE).
Il forno, di produzione della Facultatieve Technologies, è all’avanguardia a livello mondiale e dovrebbe assicurare prestazioni eccellenti, consumi ridotti ed una adeguata garanzia in merito alle emissioni in atmosfera. Ha ottenuto l’autorizzazione dal Servizio Ambiente della Provincia di Parma in quanto ottempera ai parametri imposti dalla legge 133 del 2005 e dal Decreto Legislativo 152 del 2006. Le emissioni saranno costantemente monitorate dall’Arpa attraverso l’analisi di tutti i dati ritenuti fondamentali sui quali, ogni 30 minuti, un software fornirà in uscita il valore medio. Le grandezze analizzate saranno la temperatura della camera principale e quelle della camera di postcombustione, del filtro, di uscita dei fumi; l’ossigeno nella camera di postcombustione, il segnale di bypass, l’ossigeno in emissione, il monossido di carbonio, la portata dei fumi, le polveri, l’umidità, il carbonio organico totale ed il consumo di reagente. È un esempio unico in Italia ed è assai probabile che diverrà un punto di riferimento a livello nazionale.
Molti gli esponenti politici presenti alla inaugurazione oltre a cittadini, funzionari pubblici e rappresentanti del mondo produttivo ed associazionistico.
Con soddisfazione e con emozione - ha dichiarato il vicesindaco Paolo Buzzi - inauguriamo questo Tempio di Cremazione. L’estremo saluto è un gesto antico e profondamente umano, una sorta di patto tra generazioni che consolida i valori etici e morali della nostra comunità. La pratica funerea della cremazione si è molto incrementata negli ultimi anni e i parmigiani non avranno più i disagi di andare in altre città per espletarla”.
Paolo Zoni, assessore con delega ai Servizi Cimiteriali, ha definito la struttura “altamente innovativa” ed ha voluto “ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a realizzarla”.
L’assessore ai Lavori Pubblici Giorgio Aiello ha sottolineato come l’opera sia “rilevante anche da un punto di vista estetico ed architettonico”, oltre a rappresentare “un felice connubio tra pubblico e privato grazie alla formula del project financing”.
 
Maria Angela Gelati

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022