OLTRE OCEANO

Baltimore - NFDA's 119th annual convention and international exposition

Arrivando a Washington per raggiungere la vicina città di Baltimora, che dall'8 all'11 ottobre ha ospitato la 119° convention ed esposizione della NFDA (l'associazione nazionale degli impresari funebri), è stato inevitabile visitare il quartiere del governo, tante volte proposto da film e telegiornali, al punto che Campidoglio e Casa Bianca sono immagini a noi ormai familiari. La classica visita turistica, insomma, con foto ricordo a monumenti che somigliano ad enormi meringhe o a costruzioni di cartapesta dal gusto discutibile. Nulla di particolare. Ad un certo punto, però, qualcosa ha cambiato il senso della nostra gita: non distante dal Lincoln Memorial è apparso un lungo muro di granito con una moltitudine di nomi incisi sulla sua superficie lucida e tante, tante persone, con le lacrime agli occhi, leggevano. Era il "Vietnam Veteran's Memorial". In quell'istante abbiamo veramente compreso quanto la tragedia del Vietnam bruci nel cuore degli americani e quanto turbamento susciti in chi, accostandosi a quel muro, rievoca la perdita di un padre, di un marito, di un compagno di guerra.

Il forte sentimento di patriottismo degli americani si è sempre manifestato con un profondo rispetto per i propri morti in guerra e per coloro che, con dolore, sono rimasti a ricordarli. Anche la NFDA ha deciso di onorare chi ha servito il proprio Paese e si è impegnata a finanziare la costruzione di un monumento nazionale alla Seconda Guerra Mondiale che verrà presto realizzato a Washington D.C. Questo importante gesto dell'associazione americana rientra in un più ampio progetto che, come afferma il neo eletto presidente John Carmon, prevede un rinnovato impegno degli impresari nell'attendere, con comprensione, le esigenze di ogni famiglia, mettendo la propria professionalità al servizio del dolore di chi resta e a programmi mirati per meglio poterlo affrontare.

Oltre alla convention nazionale, nei cui incontri sono stati dibattuti questo ed altri temi, Baltimora ha accolto l'esposizione internazionale di articoli funerari, alla quale hanno partecipato due espositori italiani. Nello stand di TANEXPO 2002 era in distribuzione la nuova brochure della manifestazione di Modena (che sarà presto inviata a tutti gli operatori del settore) e il dépliant del consorzio TANEXPORT, che ha in serbo alcune novità interessanti pubblicate sul sito www.tanexport.it. L'altro stand italiano presente era quello di FORGIONE con i suoi articoli creati ad hoc per il pubblico americano, mentre i prodotti di VEZZANI e FRACARO erano esposti presso gli stand dei loro rivenditori.

Per quanto riguarda il resto dell'esposizione abbiamo rilevato, come già nelle edizioni passate da noi visitate, un mercato molto diverso da quello europeo, Gran Bretagna esclusa. La foggia di gran parte dei prodotti in mostra, infatti, presentava un gusto molto distante da quello dello stile italiano. Alcuni articoli, come ad esempio gioielli ed abiti, da noi non sono neppure contemplati; così come assicurazioni, linee aeree, servizi di trasporto e istituti finanziari non hanno, almeno per ora, grande diffusione.

Saremo presenti con lo stand di TANEXPO 2002 e con TANEXPORT anche il prossimo anno ad Orlando dal 7 al 10 ottobre. Chissà se grazie al clima della Florida anche qualche italiano farà un salto all'esposizione della NFDA. Noi ci saremo. Veniteci a trovare.
 
Gabriella Ruffini

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022