Il funerale religioso nei nuovi spazi del commiato

Se ne parlerĂ  in un interessante incontro in programma il prossimo 18 febbraio a Bologna nell'ambito della seconda edizione di Devotio.

Abbiamo parlato in un precedente articolo della crescente domanda di funerali laici, in risposta ad un diverso sentimento spirituale della società contemporanea che si è allontanata da modelli consolidati in molte situazioni che riguardano gli eventi della vita.Tali mutamenti hanno avuto conseguenze dirette ed inevitabili nelle pratiche religiose, di cui la Chiesa ha preso atto. In particolare per quanto riguarda le cerimonie del commiato, si è notato come negli ultimi decenni le consuete prassi di accompagnamento dei defunti, dal momento del decesso fino alla sepoltura, siano profondamente cambiate.La crescente ospedalizzazione e una generalizzata presa di distanza culturale dalla morte hanno tolto alla cura familiare e comunitaria la capacità di gestione del lutto. Molteplici riti si sono affiancati o si sono sostituiti a quelli della tradizione cristiana, introdotti sia dalle  popolazioni immigrate e sia da nuove sensibilità spirituali.
Anche nell’ambito del cristianesimo stesso le pratiche comunitarie e personali di accompagnamento dei defunti hanno subito rilevanti alterazioni, tanto da necessitare di una nuova riflessione sulle modalità di annuncio della Risurrezione in contesti multireligiosi.La presenza di case funerarie e di sale del commiato è una realtà che nell’ultimo decennio si è sempre più diffusa anche in Italia per soddisfare diverse esigenze rituali di commiato, oltre che per consentire alle famiglie di vegliare il proprio caro in un ambiente intimo e dignitoso. Sono spazi disponibili ai diversi culti e religioni che hanno indotto anche la Chiesa Cattolica ad interrogarsi sui luoghi, modalità rituali e gesti di pietà da proporre ai credenti.
Interessante è constatare che anche per questi nuovi spazi si stanno sempre più raccogliendo suggestioni artistiche, testimonianza che conferma ancora una volta l’affinità e l’iterazione tra ricerca spirituale e arte.
Di tutto questo se ne discuterà nel convegno "Spazi del commiato e riti per le esequie cristiane in una società multireligiosa", in programma a Bologna alle ore 10 del 18 febbraio, uno stimolante confronto tra esperti e rappresentanti della Chiesa per fornire spunti ed indirizzi al fine di conciliare i nuovi bisogni della collettività con i princìpi della fede cattolica. L'incontro si rivolge infatti non solo ai sacerdoti, agli artisti ed architetti, ma anche agli operatori del settore funerario e cimiteriale.

Il convegno si tiene durante la seconda edizione di Devotio - esposizione di prodotti e servizi per il mondo religioso - che si terrà nei padiglioni 33 e 34 del quartiere fieristico di Bologna dal 17 al 19 febbraio 2019, patrocinata dal Pontificio Consiglio della Cultura del Vaticano, dall’Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana, dalla Diocesi di Bologna e dall'Ordine degli Architetti. (vedi programma più sotto)

Una rassegna di sicuro interesse per l’ampia offerta di proposte (dall’arredamento ai complementi, dall’impiantistica alle tecnologie, dagli oggetti ai paramenti liturgici, dalle vetrate ai mosaici, dall’arte sacra all’architettura…, senza trascurare i servizi e la sfera dell’articolo devozionale che vede in mostra immagini sacre, rosari, medagliette, prodotti editoriali, icone, gadget e souvenir), alcune delle quali ottimali anche per il target funerario e cimiteriale. Da sempre, infatti, il mondo funerario e quello religioso hanno analogie e punti in comune, tanto che non è raro trovare fiere in cui i due settori coesistono. Anche tra gli espositori vi sono aziende che partecipano ad entrambe le tipologie di manifestazione, come Filip Moroder Doss, Paf Salvadori, TIesse ed altri.

Devotio è nata nel 2017 e si è affermata fin da subito come manifestazione di riferimento perché non si pone solo come una selezionata vetrina in cui 150 espositori presentano quanto di meglio esiste sul mercato in termini di prodotti e servizi, ma, arricchita da numerosi dibattiti e da Devotio Lab. La proposta culturale, affidata al Dies Domini - Centro Studi per l'architettura sacra e la città, Fondazione Card. Giacomo Lercaro di Bologna, mira a sondare nuove vie per affrontare problematiche di rilevante attualità e rappresenta una autentica, completa e costruttiva occasione di dialogo tra il mondo della progettazione e della produzione con le istituzioni ecclesiastiche e gli addetti ai lavori.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.devotio.it, in costante aggiornamento, dove è possibile consultare il programma, l’elenco  degli espositori, scaricare il biglietto omaggio e registrarsi ai convegni.
 
Sara Sacco


SPAZI DEL COMMIATO E RITI PER LE ESEQUIE CRISTIANE IN UNA SOCIETÀ MULTIRELIGIOSA

ore 10.00 | Bologna Fiere | Ingresso Sud Moro | Padiglione 33, Sala Arena. Ingresso gratuito

Modera Claudia Manenti, architetto, responsabile Dies Domini - Centro Studi per l'architettura sacra, Fondaz. Card. Giacomo Lercaro

Relatori:
Carla Landuzzi, sociologo del territorio e migrazioni, pubblicista, già docente universitario, vicedirettore Centro studi sociali IPSSER
Riti di trattamento del corpo del defunto quale segno di identità religiosa: i diversi culti compresenti nella città contemporanea

Giovanni Gardini, vice direttore museo Diocesi di Faenza-Modigliana, docente di iconografia e archeologia cristiana
Riti funebri ed espressioni artistiche nelle prime comunità cristiane

don Amilcare Zuffi, direttore ufficio liturgico Diocesi di Bologna, segretario commissione regionale Emilia Romagna per la liturgia
Rituali di cura del defunto tra il decesso e il funerale nella comunità ecclesiale contemporanea

Milvia Folegani
, Regione Emilia Romagna
Legislazione e tendenze amministrative per gli spazi del commiato

Claudia Manenti
Spazi architettonici e opere d’arte negli spazi per il commiato

don Luca Baraldi, cerimoniere vescovile e direttore dell’ufficio liturgico Diocesi di Carpi
Riflessioni pastorali sugli spazi del commiato nel confronto con la struttura presente a Mirandola nella Diocesi di Carpi

ore 13.00 Dibattito e conclusioni



Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022