A Stoneleigh, in Inghilterra, dal 12 al 14 giugno

National Funeral Exhibition 2009

Il mese di giugno ci ha visto quest’anno partire per l’Inghilterra, dove si è svolta una delle numerose manifestazioni del settore funerario che affollano il calendario primaverile. La cornice dell’evento è stata, come per la precedente edizione del 2007, la cittadina di Stoneleigh, sperduta in mezzo alla campagna inglese, a pochi passi dalle città di Coventry e Leamington Spa, nonché di quella apparentemente anonima Stratford upon Avon che ha dato i natali nientemeno che a William Shakespeare. La contea di Warwick, regione in cui sorgono queste località, offre al visitatore paesaggi incantevoli ed una quiete difficilmente eguagliabile.
Proprio in questo lembo di Inghilterra si è svolta, dal 12 al 14 giugno, l’ultima edizione di NFE - National Funeral Exhibition. All’interno dei padiglioni del NAC, il centro agricolo nazionale sede di numerose esposizioni fieristiche relative per lo più al settore agricolo e zootecnico, si sono avvicendati un gran numero di visitatori ansiosi di scoprire tutte le novità dell’appuntamento. La rassegna, promossa dalla NAFD (National Association of Funeral Directors) e sapientemente organizzata da Leisure Expo, il team guidato da David Hyde, occupava quest’anno due interi padiglioni, una superficie significativa, soprattutto se paragonata alle dimensioni raggiunte da quella moltitudine di fiere europee che si moltiplicano di anno in anno. Si può affermare con una certa sicurezza che il salone inglese si attesta al quarto posto, per dimensioni e per affluenza, nella classifica delle manifestazioni organizzate nel vecchio continente. La prima, è noto ormai a tutti, è Tanexpo, che per marzo 2010 ha in serbo importanti novità e che sta già raccogliendo numerose adesioni dal mondo produttivo. Seguono la tedesca Befa, in programma il prossimo maggio, e Funéraire, che ci attenderà in autunno. Numerosi anche gli espositori, a testimonianza del fatto che l’appuntamento con l’imprenditoria locale - a due anni dall’ultima edizione - era indubbiamente molto atteso. La maggior parte delle realtà imprenditoriali presenti, per non dire la quasi totalità, erano britanniche, affiancate però da un buon numero di espositori irlandesi. Il comparto produttivo italiano era rappresentato quest’anno da protagonisti di prim’ordine: 3 Bi-R.B., impegnatissima negli ultimi anni ad aggredire il mercato estero presentando imbottiture dalla qualità inconfondibile, Stragliotto, con i suoi cofani dal design raffinato, GFM Imbottiture, affiancata - come accade sovente - dai complementi d’arredo del partner Clarius, e il Gruppo Lorandi, rappresentato in questa occasione da Marco Ghirardotti della Lombarda Lavorazione Legno.
Presente, ovviamente, anche Tanexpo 2010 il cui stand è stato oggetto di grandissimo interesse da parte di coloro, e sono stati tanti, che hanno manifestato il proposito di non mancare assolutamente l’appuntamento della prossima primavera a Bologna. Tra la moltitudine di proposte è stato praticamente impossibile non notare la massiccia presenza di cofani in vimini che superava di gran lunga l’offerta di quelli in legno a noi più familiari. Facile individuarne la ragione: in Inghilterra la legislazione non vieta l’uso di questo materiale che ha visto negli anni un incremento notevole, dovuto soprattutto al prezzo più competitivo. Curiose e interessanti anche le iniziative collaterali proposte dagli organizzatori: corsi pratici di tanatoestetica si sono svolti per l’intera durata della manifestazione alla presenza di uno tra i più noti e competenti esperti sulla materia. Era inoltre stato allestito all’interno di un padiglione un laboratorio dedicato alla soffiatura del vetro, per dimostrare ai visitatori la procedura per realizzare gioielli e oggetti preziosi in cui racchiudere le ceneri del proprio caro.
Come ci ha riferito il presidente della NAFD, Sue Saville, l’edizione 2009 si è conclusa con uno strepitoso successo, largamente al di sopra delle aspettative. L’offerta merceologica garantiva quest’anno una considerevole varietà: cofani funebri, urne cinerarie (esposte da moltissimi produttori, proprio in virtù della massiccia diffusione della cremazione nel Paese), divise da lavoro, cartotecnica funeraria, autofunebri, accessori, attrezzature cimiteriali, servizi di rimpatrio. Non vogliamo dimenticare gli amici Deborah Andres e Wilson Tong venuti da oltreoceano a promuovere le loro manifestazioni, rispettivamente NFDA, a Boston dal 26 al 28 ottobre 2009 e AFE - Asia Funeral Expo, ad Hong Kong dal 13 al 15 maggio 2010. Queste ultime date coincidono, purtroppo, con quelle delle fiera tedesca che riaprirà i battenti a cinque anni di distanza dall’ultima edizione e che si preannuncia, per il mondo produttivo italiano, certamente più interessante del mercato asiatico. Abbiamo cercato, con diversi tentativi, di persuadere gli organizzatori di AFE a rivedere il calendario, ma pare che il centro espositivo asiatico non abbia ormai altre soluzioni disponibili.
Lasciamo dunque l’Inghilterra rilevando una inattesa quanto sincera soddisfazione dei produttori italiani, i cui stand sono stati oggetto di visite per l’intera durata della manifestazione. Ci auguriamo che, una volta rientrati in Italia, i contatti raccolti si traducano in proficue collaborazioni.
 
Sara Martini

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022