LASSÙ QUALCUNO LI AMA

FORGIONE, industria di produzione cofani funebri a Bari

Il cognome Forgione è di fama internazionale: era il nome al secolo del Beato Padre Pio.

Noi non vogliamo parlarvi del religioso, nato nel 1887 a pochi chilometri di distanza da Benevento e vissuto per lungo tempo a San Giovanni Rotondo, a poca distanza da Bari, ma abbiamo intervistato i titolari della FORGIONE, l'azienda che produce cofani funebri. Si tratta di un caso di omonimia non casuale: ci sono lontani legami di parentela fra i Forgione della ditta di cofani e Padre Pio da Pietralcina.


Nato a Napoli l'11 aprile 1934, fondatore ed anima dell'industria di produzione di cofani funebri che porta il suo nome, il sessantasettenne Silvio Forgione, oggi ancora in piena attività, si affacciò al settore funebre, come rappresentante, nel 1952 quando i cofani si vendevano smontati ai falegnami e le agenzie funebri esistevano in numero veramente esiguo.

Dopo aver svolto per vent'anni l'attività di venditore nell'Italia Centro Meridionale, nel dicembre 1972, su mandato di un importante gruppo italiano dell'epoca, assunse la dirigenza di un nuovo stabilimento per la produzione di cofani funebri a Bari.

Nel 1987 lasciò il gruppo e, avvalendosi della prima collaborazione dei due figli maggiori, i gemelli Mimmo e Fabrizio, oggi trentanovenni, intraprese l'attività in proprio. Nel 1990 anche Francesco, il più giovane dei figli, entrò a far parte dell'organizzazione dando un forte impulso innovativo all'organizzazione aziendale.

Francesco, con la sua preparazione informatica, affiancando il padre, prese immediatamente le redini dell'amministrazione e della produzione, consentendo ai due fratelli di potersi dedicare esclusivamente alla organizzazione ed alla gestione della rete di vendita.

Oltre settanta disegni di cofani prodotti solo con legni esotici e nord Americani e quasi cinquanta dipendenti, la FORGIONE distribuisce i suoi prodotti in tutta Italia ed all'estero, soddisfacendo le più diverse esigenze del mercato. Pur essendo una industria, FORGIONE conserva integri i principi di costruzione artigianale del cofano funebre, secondo la migliore tradizione italiana.

Mimmo e Fabrizio, ottimi venditori, sono abituati a parlare dei loro prodotti, li presentano egregiamente, raccontano di ciascun legno pregi e difetti.

È a loro che abbiamo chiesto come deve essere un cofano.
"Bello a vedersi, lucido, curato nei dettagli. Noi cerchiamo di fare sempre meglio per soddisfare le richieste degli impresari funebri. Talvolta personalizziamo le nostre produzioni per rispondere a particolari necessità della clientela. Alcuni cimiteri hanno cappelle storiche o loculi di dimensioni così particolari (spesso molto più stretti delle misure standard) da richiedere una lavorazione ad hoc. La FORGIONE è in grado di soddisfare anche queste esigenze fornendo cofani che mantengano comunque forme gradevoli".

Ecco alcune caratteristiche che ci permettono di comprendere quali sono le linee di produzione che vanno per la maggiore fra i clienti dei Forgione. Le tinte sono medio chiare, i materiali più usati sono, in ordine decrescente, mogano, ebiara, zebrano, noce daniela, rovere e noce frakè, il più economico. I nomi dei cofani sono ispirati alla mitologia (ad esempio Venere, Giunone, …), quello più economico viene realizzato in noce frakè, il catalogo comprende 70 modelli diversi, l'azienda è in grado di produrne circa quaranta al giorno. Al padre Silvio, uomo di grande esperienza maturata in oltre mezzo secolo di lavoro nel settore, domandiamo cosa lo preoccupa di più del mercato italiano.

"L'Italia ha una antica tradizione nella costruzione dei cofani funebri. I cofani italiani sono ricercati ed apprezzati in tutto il mondo per le loro caratteristiche di originalità e qualità nella lavorazione del legno massello. Il mercato negli ultimi anni sta cambiando profondamente, poiché alcuni imprenditori, in maniera spregiudicata, stanno introducendo sul mercato italiano cofani di bassa qualità prodotti nei paesi dell'Est, che non hanno nulla o quasi del gusto e della tradizione italiana; direi che di italiano, questi cofani, hanno soltanto il nome del produttore. In verità non vedo vantaggi né per chi li produce, né per le agenzie funebri. Noi pensiamo di voler difendere il made in Italy ed è per questa ragione che la FORGIONE, sin dalla sua nascita, ha rivolto la massima attenzione al design ed alla qualità dei suoi prodotti, mantenendo il giusto rapporto tra qualità e prezzo".
 
Marina Piantoni

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022