Le fiere di settembre

Con l'autunno è ripartita l'attività fieristica internazionale: Funexpo (Mendoza, Argentina 6-8 settembre, Forum Befa (Salisburgo, Austria 22-23 settembre), Expo Funerária (Batalha, Portogallo 22-24 settembre).

Mendoza e il suo territorio

Mendoza, capitale della provincia omonima, nasce come oasi nel deserto ai piedi del versante orientale delle Ande il 2 Marzo 1561. Non lontana dall’Aconcagua (il massiccio montuoso più alto del mondo dopo quello dell’Everest, la cui vetta di 6962 metri si trova sulla strada che va verso Santiago, a 13 km. dal confine cileno) a quasi 1000 metri di altitudine gode di un clima particolarmente adatto alla coltivazione della vite e dell’ulivo. Si tratta, in effetti, della capitale del vino argentino (l’Argentina è uno dei principali produttori mondiali, oltre che il primo di limoni, soprattutto nella regione di Tucumán). Fiore all’occhiello della sua produzione è il Malbec, un vitigno d’origine francese (il Cahors ne è un tipico esemplare) che peraltro in questa zona dà un risultato totalmente diverso dai vini che si ottengono in Europa compresi quelli della nostra Penisola (Friuli-Venezia Giulia, Trentino e Veneto in particolare).
I centri più importanti della provincia sono Maipú e Lujan de Cuyo negli immediati dintorni della capitale che fanno parte della “Grande Mendoza” che con più di un milione di abitanti è ormai la quarta agglomerazione argentina. La città si trova sulla mitica “Ruta 40” (dal 3 Ottobre 2017 ufficialmente: “Ruta Nacional n. 40 Libertador General Don José de San Martin” in onore di uno dei principali artefici argentini della liberazione di vari Paesi sudamericani fino a quel momento possedimenti spagnoli) che da Cabo Virgenes in Patagonia conduce a La Quiaca sulla frontiera boliviana, dopo un percorso di oltre 5.000 km in direzione nord su un tracciato mozzafiato parallelo alla Cordigliera andina. Strada famosa quanto quella di 3000 e passa km. che da Chicago porta a Santa Monica: l’altrettanto mitica “Route 66”che ogni viaggiatore che si rispetti dovrebbe aver percorso almeno un volta nella vita.

Funexpo 

È in questa città andina che la FADEDSFYA (la Federazione Argentina delle imprese di onoranze funebri) presieduta da Jorge Bonacorsi, ha organizzato la V edizione di Funexpo, tenutasi dal 6 all’8 settembre. Caratterizzata da una frequenza biennale, ha tenuto le sue tre prime edizioni nella capitale Buenos Aires.
La quarta ha invece avuto  luogo a Cordoba, la città dove è nato il “Fernando” (o “Fernandino”), un cocktail ottenuto mescolando su di un letto di ghiaccio 1/3 di un famoso fernet italiano con 2/3 di Coca Cola, un risultato stupefacente dal dosaggio aggiustabile in funzione dei gusti; non a caso l’Argentina è uno dei principali consumatori di fernet al mondo! Per la V edizione è stata scelta la città di Mendoza dove era programmata per il 2016 senonché in quel periodo l’aeroporto venne chiuso per un totale rinnovo. Si optò così per il mese di marzo 2017 ma gli amici argentini, per non interferire con Miami Funer, decisero di posporla a settembre. Bella prova di correttezza e di un’amicizia sempre più stretta che si tradurrà in una presenza di un centinaio di impresari, i maggiori, di quel Paese, a Tanexpo 2018. Non solo, ma uno dei due più importanti produttori di cofani (circa 90.000 pezzi all’anno) la Heccar di Hector Massarutto, originario di San Vito al Tagliamento, ha espresso una ferma intenzione a partecipare anche come espositore e non è escluso che anche l’altro leader, di origine piemontese, sia presente così come una terza azienda di servizi e come pure un grosso fabbricante brasiliano di origine veneta.
Dai nomi citati appare evidente la larghissima presenza di argentino-italiani (quasi tutti col doppio passaporto) nella professione funeraria. Già di per se stessa la popolazione di quel Paese è per 1/3 di origine nostrana raggiungendo il 50/60% nel settore in questione. Tutti fieri patrioti argentini ma non meno fieri delle loro origini italiane. Un altro personaggio noto proveniente dall’Italia è il titolare della carrozzeria Vivian (da Cordenons e Porcia, provincia di Pordenone) che oltre ad essere il più importante produttore di veicoli funerari è anche membro assiduo del Fogolàr di Buenos Aires l’associazione che riunisce i Friulani nel mondo, dove vi si organizzano perfino corsi di “furlàn” tenuti da insegnanti dell’Università di Udine e dove essendo il più vecchio fuori dall’Italia viene chiamato “la none”, ossia la nonna.
La Fiera, rispetto alle nostre, era piccolina ma ha visto la presenza di circa il 50% delle 1.500 imprese locali nonché dell’importante associazione dei proprietari di cimiteri privati che ha tenuto la sua assemblea a Mendoza e che sarà egualmente del viaggio a Bologna con membri dal potere d’acquisto non trascurabile....
Per quanto riguarda i prodotti  esposti abbiamo osservato un progresso, in termini di design e qualità, che non influisce sui prezzi molto competitivi del prodotto finale. Vi sono sempre i cofani di forma ovale di varie migliaia di euro per i funerali “importanti”, tuttavia il gusto pare orientarsi sempre più verso i modelli europei e ciò lascia pensare ad un futuro incremento degli scambi commerciali per poco che il nuovo presidente Macrì (di chiara ascendenza calabra), pragmatico uomo d’affari, riesca a smantellare le barriere anacronistiche che impedivano degli scambi “normali”. Chissà che il lascito catastrofico dei coniugi Kirchner (prima lui e poi lei, una volta rimasta vedova quasi si trattasse di una famiglia reale!) non divenga a breve un bruttissimo ricordo.
Per il resto erano presenti prodotti di tanatoprassi, accessori (di migliore qualità rispetto al passato) e  l’inarrestabile avanzata della cremazione (ormai al 60% nelle grandi città) ha portato il suo imprescindibile corollario di urne e non a caso i due più importanti fabbricanti di forni crematori del Sud America - l’argentino Incol e il brasiliano Brucker - erano attivissimi sui loro stand.
Molti i personaggi importanti del mondo funerario latino-americano giunti a Mendoza: Dario Loinaz, Pablo Cevallos, Camilo Jaramillo, Pepe Altstut, Ricardo Peculo ... che hanno animato o assistito alle numerose edaffollate conferenze.

Forum Befa

Pochi giorni dopo essere tornati dall’Argentina abbiamo partecipato alla manifestazione che BEFA ha organizzato nella bella Salisburgo, in festa per la Sankt Rupert, l’ormai tradizionale forum semestrale, il 22 e 23 settembre. Prima uscita fuori dalla Germania ha peraltro determinato, e ne siamo tristi, la cancellazione di Devota di Ried im Innkreis: ne approfittiamo per ringraziare pubblicamente ancora una volta Rudy Kleewein per la sua costante positiva ed elegante collaborazione!
Un centinaio le aziende espositrici che hanno presentato produzioni tipiche del mercato teutonico. La qualità è al top ed il design decisamente accattivante per la sobria ed armoniosa bellezza, nonché per una spiccata sensibilità “verde” degli oggetti esposti (le urne in particolare, in un Paese dove la cremazione è al 55.3%). Presenti tutti i grossi costruttori di autoveicoli tra cui si è distinta con le sue proposte l’italiana Pilato. Art Funeral Italy, la Errevieffe, Sartoria di Filottrano e Vezzani sono le altre realtà italiane che hanno presenziato la manifestazione. Varie centinaia i visitatori, essenzialmente austriaci e tedeschi.

Expo Funerária

Negli stessi giorni del Forum Befa, a Batalha in Portogallo, non lontano da Fatima, si è svolta la seconda edizione di Expo Funerária, organizzata dal locale ente fieristico. Una esposizione di dimensioni contenute, che tuttavia ha segnato un incremento rispetto alla precedente tenutasi nel 2016 e che ora è stata calendarizzata con frequenza biennale. Molto ridotta la partecipazione straniera tra cui spiccava Ceabis, l’unica azienda italiana presente. Per contro molti espositori locali hanno assicurato la loro presenza a Tanexpo ad aprile 2018.

I prossimi appuntamenti ci porteranno a Boston all’annuale manifestazione della NFDA, a Mosca per Necropolis-TanexportWorld Russia e nell’affascinate Parigi dove si terrà la storica Funéraire.
 
Il Viaggiatore


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022