La morte protagonista disincantata del film italiano
"Il segreto del successo"

saranno famosi…
passando a miglior vita

Tipica domanda di gente in carriera: qual è il segreto del successo? È sparire in una surreale situazione, con esiti inaspettati, che passa per due bare affiancate nella locandina e due vite che risorgono in una finta morte, praticamente un riscatto sociale. Il tutto condito in un film "cattivista", come sottolineano i due attori protagonisti, i comici Paolo Maria Veronica e Roberto Malandrino, conosciuti anche per aver dato vita in televisione ai personaggi di Padre Buozzi e Marcolino.

Questi alcuni degli ingredienti della pellicola Il segreto del successo, uscita il 31 gennaio nei cinema e diretta da Massimo Martelli: una "storia vera piena di bugie", quindi una sorta di docu-commedia su due comici sfortunati, Cico e Bob, che dopo aver bazzicato in televisione per vent'anni vengono dati per morti nell'incendio della loro abitazione, nella quale invece perdono la vita due ladri d'appartamento.

E la notizia viene data su Striscia la Notizia da un commosso Enzo Iacchetti, loro amico anche nella vita reale. Ma Cico e Bob godono di ottima salute: il loro manager Zoccolini (Antonio Catania), con baffetti e ghigno furbesco, decide che è l'ora di sfruttare questo equivoco e i due si nascondono in un casolare isolato ad attendere gli eventi.

Insomma, funzionano più da morti che da vivi, come recita il sottotitolo.

La notizia va sulle prime pagine dei giornali, Cico e Bob hanno un successo postumo straordinario: materiali di repertorio inediti, servizi speciali sui due attori, pubblicazione di libri che loro non hanno mai scritto. E non manca l'ex moglie di Cico, Irene (Nadia Carlomagno), donna ossessionata dal successo e convinta che "se nessuno ti riconosce vuol dire che non esisti". In quest'ottica, da morti loro esistono: tutti li ricordano e tutti li elogiano. Ma per il momento i vantaggi se li gode il manager, mentre i due comici sperimentano la difficile convivenza forzata. Riusciranno ad uscire allo scoperto e mantenere il successo?

Alla fine a loro non importa più di tanto. Una cosa è certa, non possono esistere l'uno senza l'altro.

Il segreto del successo è stato girato in parte a Bologna ed è una operazione auto-ironica, dove Malandrino e Veronica si mettono in gioco partendo dalla loro reale biografia, dai lavori teatrali alle apparizioni a Domenica In e Quelli che il calcio, per realizzare insieme al regista un affresco al vetriolo sulla società e sulle dinamiche che permettono agli individui di raggiungere o meno la fama e la notorietà sperata. In tempi dove è esasperata la ricerca di apparire in televisione, regista e attori analizzano anche come in tutto questo la forza dei mass media faccia la sua parte. E i due "sfortunati quanto straordinari attori" hanno raccolto in questo film alcune apparizioni illustri coinvolgendo anche gli amici di sempre, oltre a Iacchetti, che interpretano se stessi: da Giobbe Covatta a Francesco Paolantoni, fino ad esponenti del mondo della musica, dell'informazione e della cultura come Francesco Guccini, Carlo Freccero, Enrico Mentana o Alberto Abruzzese. Quest'ultimo è il professore che realizza per l'occasione il seminario "Lo spettacolo della morte e la morte dello spettacolo".

L'avventura dei cabarettisti scomparsi, quindi, continua con macabre ma divertenti allusioni e metafore. Ricordiamo, una risata ci seppellirà.
 
Nadia Grillo

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022