A Tanexpo un percorso fotografico del Gruppo Guarda

L'eterna domanda dell'uomo: cos'è l'anima?

"Il modo in cui l'anima è unita al corpo non può essere compreso dall'uomo, tuttavia in questa unione consiste l'uomo." Sant'Agostino
Dal 2003 a Bologna è attivo un gruppo di appassionati di fotografia, conosciuto col nome di Gruppo Guarda. Ogni loro immagine è il risultato di un lavoro collettivo, realizzato condividendo pensieri e ragionamenti su un argomento che apre interrogativi universali e ritenendo che l’arte abbia senso solo nel momento in cui cerca di rispondere alle domande che l’uomo si pone. Ogni opera è la sintesi delle idee di tutti i componenti del gruppo, delle riflessioni e delle discussioni che di volta in volta, inevitabilmente, scaturiscono intorno al tema che si decide di affrontare e di rappresentare.
È un approccio filosofico-artistico estremamente affascinante: uno strumento d’indagine della realtà che prima si divide e scava nel profondo dell’interiorità di ciascuno e poi, risalendo in superficie, si ricompone attraverso il dialogo e produce la sua risposta in uno scatto fotografico finale che appartiene al Gruppo e che, pur contenendolo, va oltre il singolo individuo.
A Tanexpo 2012, dal 23 al 25 marzo, il Gruppo Guarda sarà presente con “Animae”, un percorso fotografico che accompagnerà i visitatori dall’ingresso della Fiera ai padiglioni in cui si svolgerà quella che ormai da molti anni è la più importante manifestazione internazionale dedicata all’arte funeraria e cimiteriale. La mostra raccoglie gli scatti realizzati durante un lungo periodo di riflessione sul tema della vita dopo la morte ed incarna l’interpretazione dell’essenza dell’anima secondo il Gruppo Guarda. Claudio Loreti, che di questo gruppo di artisti è fondatore e coordinatore, spiega che le immagini che i visitatori potranno vedere a Tanexpo nascono da una domanda cruciale: “Cos’è che lega l’anima al corpo?”.
L’uomo nel corso dei secoli ha sempre tentato di dare una risposta a questo quesito e lo ha fatto nei più disparati campi del sapere, dalla filosofia alla letteratura, dall’arte alla scienza. Tra le tante risposte, alcune hanno colpito più di altre il Gruppo Guarda che, per tale motivo, le ha scelte come ancoraggio del proprio percorso interpretativo; fra di esse, forse, la più incisiva è la definizione data da William Blake il quale scrive che “l’uomo non possiede un corpo distinto dall’anima, poiché ciò che viene detto corpo è una porzione dell’anima”. Partendo da questo concetto gli autori si sono spinti ad immaginare il corpo come una “manifestazione dell’anima”.
Le fotografie che compongono “Animae” rappresentano un approdo e al tempo stesso una sfida che coinvolge i visitatori invitandoli a mettere in gioco il proprio immaginario per trovare altre risposte.
Il Gruppo Guarda parteciperà con una mostra fotografica anche ad un’altra importante iniziativa collegata a Tanexpo: Tanexplora, un format aperto al pubblico, che si svolgerà a Palazzo Re Enzo sempre dal 23 al 25 marzo 2012 e che prevede una serie di eventi, convegni ed incontri sul tema del lutto e dei modi in cui affrontare la fine della vita; obiettivo di Tanexplora è quello di avvicinare il pubblico alle tematiche legate alla morte, spesso difficili da affrontare, ma inevitabilmente presenti nella vita di ognuno. Tra le tante iniziative, uno spazio rilevante sarà dedicato al mondo dell’arte, da sempre molto interessato all’interpretazione dei temi legati alla morte.
 
Daniela Argiropulos


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022