Carmelo Pezzino
Il prossimo 10 febbraio in Lombardia scadranno, per le Imprese di Onoranze Funebri già operanti sul territorio, i termini per l'adeguamento ai requisiti previsti dal Regolamento di attuazione della Legge Regionale sulla funeraria. Assistiamo in questi giorni a comportamenti schizoidi volti a creare confusione e scompiglio con una disinformazione pressoché totale che genera, in particolare nelle piccole Imprese, la legittima preoccupazione che esista un disegno preciso volto a determinarne la chiusura. Non è assolutamente così! In realtà si stanno discutendo eventuali modifiche da apportare ai testi di legge per sottoporle successivamente al voto dell'Assemblea. Le due Organizzazioni sindacali, Feniof e Federcofit, stanno intensificando il proprio lavoro per arrivare ad una posizione condivisa che possa far intendere al legislatore che la categoria è coesa e compatta nel rivendicare i propri diritti e, più in generale, nel pretendere pronunciamenti chiari e regole non penalizzanti per l'imprenditoria funeraria privata, piccola o grande che sia. Sostanzialmente le due Federazioni hanno identificato in un documento comune le linee generali per definire i caratteri distintivi delle "agenzie funebri" e delle "imprese che esercitano attività funebre", trovando ancora qualche interpretazione differente sulle modalità più efficaci per dimostrare il possesso dei necessari requisiti. Il dialogo e la cooperazione fra Federcofit e Feniof non si esaurisce certamente a livello lombardo, ma un po' in tutta Italia si susseguono incontri utili ad esplicitare, anche a livello legislativo, questa nuova stagione, testimonianza della sempre maggiore consapevolezza di una categoria avviata ad un processo di modernizzazione degno di un Paese evoluto.
Se ne parlerà a Torino il 14 e 15 dicembre in occasione del tradizionale appuntamento annuale promosso da Sefit ed incentrato, quest'anno, sul "valore etico dei servizi funerari". Il convegno consentirà, grazie anche alla presenza di parlamentari che se ne occupano direttamente, di avere anticipazioni e valutazioni di prima mano sull'AC 1268, "nuove norme in materia di cremazione", attualmente in discussione presso la Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati. Verranno inoltre presentati gli orientamenti delle diverse componenti del comparto per un nuovo progetto di legge di riforma dei servizi funerari in vista di un futuro coinvolgimento del livello politico. Sarà una importante occasione di riflessione sugli aspetti etici delle diverse professioni, sui risultati di una stagione di normative regionali e sugli aggiustamenti ancora necessari per ridurre una sempre maggiore complessità nell'operare quotidiano. A Torino si discuterà poi degli ultimi studi tecnici in campo europeo sui limiti alle emissioni in atmosfera per i crematori  e della definizione di standard Uni per i cofani funebri. Una sorta di Stati Generali del settore funerario e cimiteriale italiano, dunque, dai quali ci aspettiamo un ulteriore passo in avanti per dimostrare tutti di voler fare "sistema".
Infine, ancora una volta, due parole su Tanexpo 2008. Prosegue a ritmo serrato la campagna di promozione internazionale che ha visto la rassegna bolognese presente a tutti gli appuntamenti di settore svoltisi recentemente in diversi Paesi, con l'obiettivo di favorire una maggiore partecipazione di Operatori stranieri. Qualcuno ci ha posto il quesito su quanto una massiccia affluenza dall'estero faccia davvero bene al comparto produttivo italiano. Al riguardo abbiamo una idea ben precisa che vi espliciteremo il prossimo mese. Nel frattempo apriamo il dibattito sull'argomento e saremmo lieti di poter riflettere sulle opinioni che auspichiamo vorrete manifestarci.
Buona lettura a tutti!
 
Carmelo Pezzino

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022