Carmelo Pezzino
Il prodotto italiano di qualità continua a vivere una stagione di grande vitalità, malgrado le situazioni contingenti di un mercato internazionale caratterizzato da un processo di mondializzazione che esaspera la concorrenza e disegna scenari inediti. Le nostre aziende, se da un lato si trovano a dover fronteggiare l'offensiva che arriva da quei Paesi, in particolare dell'estremo oriente, che si possono permettere di essere competitivi in termini di costi, dall'altro vedono riconosciute ovunque quelle peculiarità che hanno consentito loro, negli ultimi quarant'anni, di affermarsi in maniera assoluta a livello mondiale.


Protagonista e testimone dell'attenzione e della considerazione di cui gode il prodotto italiano è il Consorzio Tanexport che, dopo aver rinnovato in maniera sostanziale la propria compagine, ha intrapreso una intensa attività già coronata da concreti risultati commerciali ed orientata alla realizzazione, a breve e medio termine, di nuovi progetti in alcuni Paesi esteri. Ci riferiamo in particolare all'Europa dell'Est da cui arrivano segnali di una domanda sempre maggiore che, valutate le potenzialità anche economiche di un bacino di riferimento così ampio ed eterogeneo, potrebbe sviluppare notevoli opportunità di business.


È stato chiesto a Tanexpo di organizzare in uno dei Paesi dell'ex Unione Sovietica una manifestazione espositiva specializzata, incentrata prevalentemente sul made in Italy, che possa nel tempo diventare il punto di riferimento per l'intera area geografica. Ed è stato chiesto alle aziende associate a Tanexport, alle quali evidentemente vengono riconosciuti grande prestigio e la più autorevole rappresentatività del nostro prodotto, di essere il fulcro di tale manifestazione. BolognaFiere, uno dei poli fieristici europei di eccellenza, è storicamente, come già sapete, al fianco di Tanexpo che proprio a Bologna celebrerà nel 2008 una edizione di ampio respiro internazionale. L'Ente si è fatto promotore, grazie ad una partnership con la omologa Organizzazione di Mosca, per portare Tanexpo nella capitale sovietica e per offrire così al sistema produttivo italiano l'occasione di incrementare le esportazioni verso i Paesi dell'Est. Tutte le operazioni preliminari sono già state avviate e a breve si cominceranno a delineare i contorni certi della iniziativa.


Tanexport, però, ha anche intrapreso azioni a livello nazionale. Il riconoscimento di un marchio di qualità certificato, a garanzia delle caratteristiche non solo del prodotto, ma anche dei processi produttivi e della organizzazione aziendale, e la rappresentatività istituzionale del comparto sono i due obiettivi immediati ai quali si sta lavorando. Ne riparleremo non appena avranno assunto concretezza ed efficacia le diverse iniziative in fieri.


Buona lettura a tutti!

 
Carmelo Pezzino

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022