Carmelo Pezzino

Avrete certamente seguito, sugli ultimi numeri della nostra rivista, il succedersi in molte parti d'Italia di momenti di incontro volti a presentare agli Operatori i diversi schemi di legge che alcune Regioni hanno varato o si apprestano a varare, almeno così ci auguriamo, prima che scatti il blocco legislativo legato all'appuntamento elettorale del prossimo anno. Tutto ciò accade mentre non si hanno notizie certe sull'iter della legge nazionale che è ferma da troppo tempo alla Camera dei Deputati e che, di questo passo, rischiamo di non vedere giungere in porto entro la fine della attuale legislatura. Con tutte le incertezze che potrebbero derivare da una eventuale alternanza nella guida politica del Paese. Ecco quindi che, anche in virtù dei poteri loro conferiti dalla devolution, le Regioni assumono un ruolo fondamentale per lo sviluppo del nostro comparto e si confermano il punto di riferimento con il quale l'intero sistema deve confrontarsi, in un rapporto capillare e costante, con l'obiettivo di ottenere normative il più possibile omogenee ed uniformi sull'intero territorio nazionale. È quanto dovrà accadere il prossimo anno, un anno che, ancora una volta, si preannuncia determinante per il comparto funerario e cimiteriale italiano.

Ci lasciamo alle spalle un 2004 che ha vissuto una edizione di TANEXPO coronata da risultati eccellenti in termini di qualità e varietà del prodotto esposto, di numero di visitatori, di opportunità di business. È il frutto di un lavoro svolto con grande impegno e con grande professionalità dagli Organizzatori, ma è soprattutto la conferma di tutte le potenzialità del nostro sistema produttivo che - nonostante il mercato viva una fase di non particolare brillantezza legata ad una forte diminuzione degli indici di mortalità e all'incidenza di contingenze anche internazionali - si dimostra maturo, consapevole, meritevole di quella leadership universalmente riconosciutagli. Se poi, come ci pare stia accadendo anche sulla scia della recentissima esperienza di ASSOCOFANI, sarà capace di darsi rappresentatività istituzionale e politiche e strategie condivise, godrà di nuovi, favorevoli impulsi, con la naturale positiva ricaduta in termini occupazionali ed economici. Anche per gli Operatori funerari si annuncia una stagione di rinnovamento: nuove opportunità professionali, una maggiore attenzione alla dimensione etica, una formazione mirata ed efficace offriranno strumenti capaci di affermare ulteriormente l'importantissimo ruolo sociale svolto.

Tanto, quindi, ci aspettiamo dal nuovo anno. Che affronteremo con curiosità, con impegno, con spirito di servizio, per darvi sempre una informazione esauriente, puntuale, tempestiva. Che, e di questo ve ne siamo davvero grati, ogni giorno di più dimostrate di apprezzare.

A voi ed alle vostre Famiglie l'augurio per un sereno Natale e per un prospero, proficuo Anno Nuovo. Buona lettura a tutti!

 
Carmelo Pezzino

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022