Carmelo Pezzino

Vi abbiamo anticipato nei mesi passati che a giugno del 2005 avrà luogo a Bologna un importantissimo Congresso Internazionale il cui programma sta concretamente prendendo corpo in questi giorni e sta assumendo, per la rilevanza dei temi trattati e per l'autorevolezza e il prestigio dei relatori, contorni di assoluta eccellenza.

È ormai certo, viste le adesioni già pervenute, che l'occasione si rivelerà la migliore per raccogliere, intorno ad un programma satellite al vero e proprio convegno scientifico, gli Stati Generali del sistema funerario e cimiteriale italiano.

In più, essendo l'attenzione dei più importanti mezzi di comunicazione concentrata sull'evento, potremo usufruire di una vetrina senza precedenti per trasmettere all'opinione pubblica un messaggio positivo che testimoni la raggiunta maturità e la sensibilità di un comparto troppo spesso penalizzato da una immagine stereotipata sfavorevole che riteniamo non gli sia propria.

Nel momento in cui il mercato vive una fase di riassestamento, legata a nuove dinamiche economiche ed a mutate esigenze socioculturali, e nel momento in cui, presumibilmente, troveranno concretezza le opportunità frutto di un rinnovato ordinamento giuridico, dovremo essere capaci di dimostrare quanto il nostro settore, evolvendosi nel segno della tradizione, possa legittimamente rivendicare quella leadership internazionale che naturalmente già gli appartiene.

Sarà - è un esempio fra i tanti - l'occasione ideale per lanciare alla collettività un forte segnale teso a riqualificare la centralità del cofano come elemento primario del Rito di Commiato, capace di assumere in sé significati simbolici e concreta testimonianza di omaggio. Sarà, per gli Operatori Funerari, l'occasione ideale per ribadire - amplificandone l'eco - come una cresciuta professionalità ed uno spiccato senso etico siano peculiarità definitivamente acquisite dalla categoria.

Abbiamo tempo dinanzi a noi, ma dovremo utilizzarlo al meglio per arrivare all'appuntamento ben preparati. E se gli Operatori Funerari possono contare sulle Federazioni, capaci, se vorranno impegnarsi, di determinare strategie e linee politiche efficaci, al mondo produttivo fa difetto, oggi, un proprio Organismo rappresentativo - meglio se organizzato per filiera - che sia in grado di valorizzarne l'immagine attraverso la conoscenza, la promozione, la tutela degli interessi, il riconoscimento della qualità. Da più parti arrivano evidenti segnali di una reale volontà di aggregazione per essere davvero squadra. È il momento giusto per darsi da fare, ma ne parleremo in maniera più approfondita dopo la pausa di agosto.

A voi ed alle vostre famiglie l'augurio per una serena estate.

Buona lettura a tutti!
 
Carmelo Pezzino

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022