Alberto Leanza
Il 2017 sta cedendo il passo al nuovo anno ed è consuetudine in questo periodo rivolgere lo sguardo ai mesi appena trascorsi,  per tirare un po’ le somme e pianificare gli obiettivi e le attività future.
Le notizie che giungono da più parti raccontano con voce unanime che gli anni più bui della crisi sono oramai alle spalle, che la nostra economia si sta riprendendo e che, nonostante le difficoltà ancora presenti, ci sono buoni motivi per un po’ di sano ottimismo. Lo confermano anche i dati statistici che ogni giorno ci confortano con numeri e grafici tendenti tutti al positivo.
Ce lo auguriamo tutti e ci auguriamo che nuovi impulsi coinvolgano anche il mondo funerario. Voglio essere ottimista anche se gli stimoli che dovrebbero giungere da chi ci governa sembrano a volte lontani. Forse è l’argomento morte a creare un certo imbarazzo, nonostante l’evidenza della sua ineluttabilità, e a spostare l’attenzione su altre problematiche a cui vengono attribuite maggiori rilevanza e priorità. Tuttavia anche a livello normativo sembra aprirsi uno spiraglio che fan ben sperare.
Non so se questa legislatura che sta volgendo al termine riuscirà a licenziare la tanto attesa legge per il settore. Quello che mi auguro per il 2018 è che finalmente possa giungere quel segnale che colmi questo vuoto normativo permettendo al comparto di poggiare su linee guida comuni, una serie di regole condivise da tutte le associazioni a beneficio dell’intera categoria affinché possa essere equiparata e competere con i professionisti del settore a livello internazionale.
Con questo auspicio porgo a tutti i lettori e alle loro famiglie l’augurio di un sereno Natale e di un Anno Nuovo ricco di successi e soddisfazioni.
 
Alberto Leanza


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022