Carmelo Pezzino
Anche Oltre Magazine, così come la quasi totalità della stampa occidentale, intende testimoniare attraverso il simbolo riprodotto in copertina la propria ferma condanna all’episodio terroristico di Parigi contro la redazione del settimanale Charlie Hebdo. Siamo convinti assertori della più assoluta libertà di espressione e riconosciamo alla satira fondamentali valori culturali e politici, ma nei giorni successivi all’attentato ci siamo interrogati sull’opportunità, in un momento in cui l’opinione pubblica mondiale tenta di isolare le spinte estremiste presenti nel cuore del vecchio continente, di pubblicare una serie di vignette che, raffigurando Maometto, anziché spegnere l’incendio rischiano di fornire nuova benzina agli estremisti islamici. La satira è irriverenza assoluta contro il potere e i potenti, ma l’effetto politico di quelle vignette non crediamo porti ad una società più libera e più democratica capace di mettere in discussione, anche con lo sberleffo, se stessi e gli altri, ma ad una società più chiusa, costretta a restringere i propri spazi di libertà. Quali possono essere i limiti non imposti per legge, ma per buon senso, della libertà di stampa? Lasciamo alla sensibilità di ciascuno di voi trarre le conclusioni.
Veniamo ad altro. Abbiamo preso parte, lo scorso 30 gennaio, al consueto incontro annuale promosso da Sefit ed incentrato quest’anno sui contenuti della proposta di Disegno di Legge in materia funeraria e cimiteriale attualmente in discussione al Senato. Molti autorevoli interventi, anche ad opera di rappresentanti dell’imprenditoria funebre privata, ne hanno analizzato sotto diverse prospettive i principi base arrivando ad evidenziare l’assoluta necessità di comprendere le istanze della collettività (imprese, comuni e consumatori) in campo funerario dettando regole chiare, attuando verifiche puntuali effettuate da soggetti capaci, erogando sanzioni esemplari. Occorre plasmare una nuova cultura funeraria fondata sulla legalità e che contrasti l’accaparramento illecito dei funerali messo in atto da operatori improvvisati e impreparati. Lo stesso Senatore Stefano Vaccari, primo firmatario del DdL AS1611, ha ribadito l’attenzione del Governo e del Parlamento per una revisione complessiva delle regole sul sistema funerario e cimiteriale, rendendo nota l’assegnazione del provvedimento in sede referente alla XII Commissione del Senato e annunciando ulteriori audizioni delle rappresentanze associative e sociali per modificare in via migliorativa, ove necessario, l’attuale testo.
Un cenno, per concludere, sull’evento clou del 2015, l’International Funeral Industry Convention in programma a Bologna dal 16 al 19 settembre: un appuntamento da non perdere che conferma la centralità di Tanexpo nel sistema funerario internazionale e di cui seguiremo con attenzione, nei mesi a venire, l’iter organizzativo.
Buona lettura a tutti!
 
Carmelo Pezzino


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022