Carmelo Pezzino
Vi avevamo preannunciato che in questo numero di Oltre Magazine avremmo espresso qualche considerazione sulla recente edizione di Tanexpo 2010 e, pur volendo accennare ad altri argomenti di più stringente attualità, non ci sottrarremo a tale esercizio.
Iniziamo col dire che la manifestazione ha ottenuto risultati eccellenti confermandosi – per superficie occupata, per numero di aziende presenti, per flusso di operatori italiani ed esteri che l’hanno visitata – la più prestigiosa e la più importante a livello internazionale. Pur in un momento di forte congiuntura economica, che non ha risparmiato neppure il settore funerario e cimiteriale, ha pienamente centrato i propri obiettivi, assumendo una dimensione unica e proponendo un ventaglio di opportunità che non ha eguali: una vetrina commerciale che rappresenta il meglio della produzione internazionale e che risponde, nel segno della qualità, a qualsiasi necessità professionale; occasioni di incontro, di confronto, di aggiornamento e di formazione in grado di garantire un processo di reale sviluppo; la capacità di precorrere i tempi trattando argomenti e presentando modelli operativi di grande aiuto per la crescita delle categorie interessate.
A tutti gli Espositori presenti non sono mancate importantissime occasioni di business utili a rafforzare le rispettive posizioni sul mercato nazionale ed internazionale creando così le premesse per il raggiungimento di obiettivi economici indispensabili per guardare con ottimismo al futuro. Il grado di soddisfazione manifestato dalle aziende e dai tantissimi operatori provenienti da tutto il mondo ha ribadito la bontà di un progetto imprenditoriale che, ancora una volta, si è confermato un fondamentale punto di riferimento.
Non tutto, ovviamente, ha funzionato alla perfezione. Piccoli disguidi, legati alla necessità di dover gestire un flusso eccezionale di persone, si sono verificati in occasione degli eventi collaterali non sempre comunicati in maniera efficace per poter godere della più ampia partecipazione; qualche disagio è scaturito dalla intransigenza di Bologna Fiere nel regolamentare uscite e reingressi in assenza della distribuzione di contromarche; e poi, argomento che è stato e che è tuttora fortemente strumentalizzato, la presenza di una azienda di matrice cinese che, notoriamente, pare mettere in atto politiche commerciali ritenute scorrette dai produttori italiani di cofani funebri. Una presenza che non sappiamo per quale motivo possa essere sfuggita agli organizzatori (non certo bisognosi di vendere anche quel piccolo spazio!), ma che certamente, se vogliamo analizzarla con serietà e senza cedere ad interessi di parte che spingono ad enfatizzarla, non ha arrecato alcun considerevole danno alla filiera. È auspicabile però, per il futuro, una maggiore attenzione.
A molti espositori non è piaciuta l’iniziativa di una azienda che ha organizzato, in concomitanza con la manifestazione, un proprio show-room in una dimora storica non lontana dalla fiera e con un servizio navetta che proprio davanti all’ingresso della rassegna avrebbe dovuto “imbarcare” i propri visitatori: è stata ritenuta una azione non propriamente corretta nei confronti di chi aveva investito in Tanexpo importanti risorse umane ed economiche e il tentativo di evitare un giusto confronto concorrenziale. Poco ci importano le lamentele giunte al nostro Editore dai protagonisti per avere espresso, noi ed i nostri giornalisti, le nostre opinioni: quando questi signori vorranno dibattere pubblicamente con noi l’argomento, saremo lieti di esporre loro le nostre idee.
“Dum Romae consolitur, Saguntum expugnatur”: siamo ancora in attesa di conoscere se le due Federazioni, Feniof e Federcofit, parteciperanno direttamente alla Scuola Superiore di Formazione per la Funeraria. La loro adesione ci è stata verbalmente confermata, ma manca l’ufficialità di un documento scritto: e sappiamo che sono in corso incontri “carbonari” (che tanto carbonari non sono visto che in molti ne siamo a conoscenza!) che potrebbero rimettere tutto in discussione nel segno di interessi sui quali, al momento, preferiamo non pronunciarci.
Buona lettura a tutti!
 
Carmelo Pezzino

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022