COSTITUITO a Bologna L'ASCE

Associazione dei cimiteri storico-monumentali in Europa


Sabato 10 novembre 2001 in un incontro presso il Comune di Bologna è stata costituita l'Associazione dei Cimiteri Storico-Monumentali in Europa (Association of Significant Cemeteries in Europe).
I soci fondatori sono:

  • i Serveis Funeraris de Barcelona S.A.;
  • il Consiglio della Chiesa della Città di Bergen;
  • il Comune di Bologna;
  • il Dipartimento per la Conservazione dei Beni Culturali della Università di Scienze Applicate di Colonia;
  • il Comune di Copenhagen;
  • il Consiglio Nazionale dei Beni Culturali dell'Estonia;
  • il Comune di Genova;
  • il Dipartimento per la Protezione dei Beni Culturali della Lituania;
  • il Comune di Lubiana;
  • il Comune di Stoccolma;
  • il Comune di Torino.
Le finalità dell'Associazione sono state illustrate nel suo saluto dal Vice Sindaco di Bologna, Prof. Giovanni Salizzoni.
"In tutta Europa - ha spiegato - i cimiteri sono beni culturali di eccezionale importanza, una straordinaria costellazione di ragioni di interesse: sono complessi architettonici di singolare importanza, un repertorio insostituibile della scultura degli ultimi due secoli, un formidabile riassunto della storia delle città, infine una antologia del gusto e dei costumi dei diversi ceti sociali.
Tante istituzioni, e tante persone competenti, in Europa, dedicano ogni giorno le loro migliori energie per salvaguardarli, valorizzarli, restaurarli, promuoverli. Dunque ci siamo detti: mettiamoci in rete. Per imparare l'uno dall'altro, scambiare idee, best practises, lavorare insieme, fare progetti comuni.Abbiamo fatto cioè l'ipotesi che, anche in questo caso, l'idea di Europa possa essere un valore aggiunto, un modo per fare di più e meglio
".
Nel corso della riunione il Comune di Bologna è stato scelto come Presidente dell'Associazione, nella persona del Dottor Mauro Felicori. Nel Comitato Direttivo sono stati eletti: il Consiglio della Chiesa della Città di Bergen, rappresentata dal Dottor Gunnar Wik; il Consiglio Nazionale dei Beni Culturali dell'Estonia, rappresentato dalla Dottoressa Ilme Maesalu; il Dipartimento per la Protezione dei Beni Culturali della Lituania, rappresentato dalla Dottoressa Audrone Vysniauskiene; il Comune di Lubiana, rappresentato dalla Dottoressa Nelida Nemec; il Comune di Stoccolma, rappresentato dal Dottor Anders Norsell e il Comune di Strasburgo, rappresentato dalla Dottoressa Marie-Madeleine Parmentier.
Poco prima dell'incontro il Vice Sindaco di Bologna aveva ricevuto una lettera dal Presidente della Commissione Europea, Prof. Romano Prodi, che saluta con favore "la creazione a livello europeo di una associazione che incoraggi e permetta ai propri membri di approfondire o iniziare un proficuo scambio di informazioni, conoscenze ed esperienze nel settore del restauro, della conservazione e della promozione culturale e anche turistica".
L'ASCE ha già predisposto il suo primo progetto comune, denominato SCENE, che è stato proposto al programma "Cultura 2000" varato dalla Commissione Europea.
Questo progetto permetterà, se accolto, di pubblicare in più lingue una guida dei cimiteri europei, di disegnare un sito web, di produrre e far circolare una mostra fotografica, di restaurare un certo numero di tombe di interesse europeo, di fare incontrare in seminari specialistici gli esperti di nuove tecnologie, restauro, catalogazione, promozione impegnati nei cimiteri europei.
Alcune altre città - Lipsia, Madrid, Malaga, Milano, Nizza, Oslo, Praga, Sheffield - pur non presenti al meeting di Bologna, entreranno a breve nell'Associazione.

Assistiamo con estremo interesse alla nascita di questa nuova Associazione il cui programma culturale ed operativo ci sembra improntato al raggiungimento di ambiziosi e significativi traguardi. Che i cimiteri siano beni culturali di assoluta importanza anche noi, nel nostro piccolo, lo andiamo ripetendo da tempo.
Attraverso di essi non solo è possibile ricostruire tappe essenziali dell'evoluzione dell'architettura, dell'urbanistica e delle arti figurative, ma anche cogliere aspetti sociali rilevanti legati ai valori, ai costumi, alle tradizioni, al gusto di un popolo. Ed in una Europa che sempre più deve tendere a darsi una identità precisa lo studio, la valorizzazione, il restauro, la salvaguardia e la promozione dei siti cimiteriali, pur testimoniando le diversità etiche e culturali storicamente esistenti, possono costituire una utilissima chiave di lettura.
A Mauro Felicori, al Comitato Direttivo, ai Soci già in essere ed a quelli che presto si aggregheranno numerosi, il nostro in bocca al lupo e l'impegno ad essere testimoni e portavoce di un lavoro che, ne siamo certi, contribuirà ad arricchire il patrimonio di idee di noi tutti.
 
Carmelo Pezzino


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022