Una bella morte non uccide nessuno

Un giorno la morte, assetata com’era di sangue giovane, si travestì da adolescente dark e si presentò in un liceo scientifico pensando di non essere riconosciuta.
In realtà furono molti a riconoscerla, ma non dissero niente per timore delle sue reazioni.
Tuttavia, l’inquietudine per la sua presenza ebbe sui ragazzi un effetto inaspettato: iniziarono a scrivere poesie e racconti, a disegnare e a dipingere, ad esprimersi, insomma, come mai avevano fatto.
La morte si incuriosì e scoprì che tutte quelle espressioni parlavano, più o meno esplicitamente, esclusivamente di lei.
Il buffo fu che si riconobbe in tutti quei personaggi e in quei ritratti finendo per sentirsi bella.
Così dimenticò perché si era iscritta a quella scuola e per tutti gli anni in cui vi rimase nessuno morì.
 
Francesco Campione

Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo, 7.8.9 aprile 2022