I nostri primi vent’anni

Oltre Magazine compie 20 anni: ripercorriamo brevemente la sua storia e con essa la storia dell’ultimo ventennio del mondo della funeraria.


“Quella che inizia è la nuova, stimolante avventura di un gruppo di persone accomunate da una grande curiosità, dalla voglia di conoscere e di imparare, dal desiderio di confrontarsi su argomenti che fanno parte della vita e della quotidianità ma dei quali spesso si parla con disagio e quasi con fastidio, dalla speranza di intraprendere un cammino capace di condurre a risultati importanti, dall'ambizione di costruire, da subito, un qualcosa in grado di crescere, giorno dopo giorno, fino a trasformarsi nell'osservatorio privilegiato di un segmento di mercato che, certo, costituisce una voce significativa nell'economia nazionale e nell'immagine del Made in Italy.”

Queste le parole della pagina di apertura del “numero Zero” di Oltre Magazine. Eravamo alla fine dell’anno 2000 quando tutto il pianeta era ancora in fermento per l’inizio del nuovo millennio, quello che nell’immaginario collettivo ci avrebbe traghettato nel futuro e fatto diventare parte di un mondo diverso e migliore. Ovunque era palpabile un’aura di entusiasmo, una forza contagiosa che coinvolgeva ogni attività. È in questo contesto che nasce la nostra rivista con la certezza di offrire un nuovo ed efficace strumento a sostegno dei professionisti del funerario.

E l’iniziale avventura di questo gruppo di entusiasti visionari si è presto trasformata in una solida realtà che anno dopo anno è stata a fianco del comparto, registrando ogni momento importante che ha segnato le trasformazioni di un settore così particolare e delicato dove coniugare innovazione con tradizioni secolari, abbattere pregiudizi e stimolare la consapevolezza di esercitare una professione unica che merita il dovuto rispetto era ed è tuttora un obiettivo di non facile raggiungimento.

Sono così trascorsi 20 anni in cui tante cose sono cambiate sia, in generale, nella società che nel nostro ambito specifico dove possiamo senz’altro affermare che in questo ultimo ventennio sono intervenuti più cambiamenti di quanto non ne siano occorsi nei cinquant’anni precedenti. E pensiamo di aver fatto anche noi la nostra parte grazie ad una puntuale informazione e all’attuazione di alcune iniziative ad hoc.

Oltre Magazine fin dagli albori ha, infatti, sempre dato ampio spazio a tematiche di stringente attualità. Un esempio su tutti è costituito dalle case funerarie. Abbiamo cominciato a parlarne fin dai primi numeri, quando in Italia praticamente ancora non esistevano; ci siamo fatti promotori del concetto di casa funeraria quale modello di un servizio necessario alla comunità. Per questo abbiamo analizzato il fenomeno in tutte le sue sfaccettature: dagli aspetti normativi a quelli progettuali, relazionando sulle più significative realtà straniere, e successivamente illustrando le prime realizzazioni sorte nel nostro Paese.

La professionalizzazione della categoria è un altro tema a cui la redazione della rivista è sempre stata particolarmente sensibile. Grazie alla costituzione del CSO - Centro Studi Oltre, istituito per iniziativa dell’allora direttore Carmelo Pezzino, sono stati organizzati numerosi incontri, dibattiti e workshop formativi in varie parti d’Italia con relatori di assoluto prestigio che si sono confrontati sulle tematiche più diverse per cercare di fornire agli operatori tempestivi aggiornamenti.

Se scorriamo gli articoli delle rubriche di attualità che il giornale ha ospitato in questo ventennio, ci possiamo facilmente rendere conto della portata del cambiamento che non ha coinvolto solo l’avvento delle case funerarie e delle sale del commiato. Un diverso atteggiamento della Chiesa ha determinato una affermazione sempre più crescente della cremazione modificando nell’arco di pochi anni prassi e tradizioni antiche e profondamente radicate. È aumentata inoltre la richiesta di funerali laici o comunque sempre più personalizzati a cui le imprese funebri devono essere in grado di far fronte. Una mutata sensibilità ha comportato anche il bisogno di commemorare la perdita degli animali d’affezione: un'ulteriore sfida a cui essere preparati e al contempo una nuova opportunità per far crescere la propria attività. Gli operatori hanno compreso l’importanza del marketing e della comunicazione e anche le imprese a conduzione familiare, che costituiscono lo zoccolo duro nel nostro Paese, si stanno sempre più strutturando e organizzando secondo moderni modelli aziendali per essere in grado di offrire alle famiglie un ventaglio completo di servizi.

Analizzando i focus sui prodotti è evidente come anch’essi abbiano seguito l’evoluzione generale del settore. Il clima di cambiamento non ha sicuramente colto impreparate le aziende che, investendo in studio e ricerca, hanno reso disponibile sul mercato una vasta scelta di articoli esteticamente sempre più raffinati e di indiscussa qualità accanto a soluzioni tecnologiche all’avanguardia. Un trend inarrestabile che possiamo toccare con mano a Tanexpo, edizione dopo edizione.

Ma Oltre Magazine è anche cultura, psicologia, storia, arte, costume e curiosità, affrontati sempre nell’ottica che attiene al lutto e alla morte: un universo immenso che ci impegniamo a scoprire e a far conoscere. Abbiamo inoltre seguito i principali avvenimenti che  si sono succeduti in questo ventennio dando puntualmente notizia dei grandi eventi luttuosi che hanno segnato e commosso il mondo: dall’attacco alle Torri Gemelle ai disastri naturali come lo tsunami del 2006, dai terremoti che hanno devastato parte del nostro Paese al crollo del ponte di Genova, per finire con gli approfonditi servizi sulla pandemia da Sars-cov2 che ci vede ancora tristemente coinvolti. Non abbiamo mai tralasciato di dedicare articoli anche ai grandi personaggi che ci hanno lasciato perché pensiamo che ricordarli insieme sia il modo più bello per rendere loro omaggio.

Oltre Magazine è una pubblicazione completa che sono orgoglioso di dirigere, un vero punto di riferimento per i professionisti del settore, che non manca di ricevere entusiastici consensi anche da lettori provenienti da altri ambiti. Ringrazio pubblicamente i tanti collaboratori che con il loro lavoro e i numerosissimi contributi hanno determinato il successo del giornale. Augurandomi di non far torto a nessuno, tra le tante persone che con i loro articoli hanno fatto la storia della rivista, desidero far giungere un particolare grazie a Pietro Innocenti alias “Il Viaggiatore”, il nostro corrispondente estero, costantemente in giro per i quattro angoli del pianeta. Gli anni di esperienza nel settore, la sua vasta cultura accompagnata dal piacere della scrittura, la padronanza di numerose lingue straniere e la sua innata curiosità hanno regalato ad Oltre pagine di grande interesse, facendogli conquistare il primato per numero di articoli pubblicati.

Un ringraziamento speciale lo voglio dedicare a Carmelo Pezzino, da cui, insieme a Nino Leanza, tutto ha avuto inizio. Direttore della rivista per sedici anni, a lui va riconosciuto il merito, per la sua competenza e professionalità, di aver reso Oltre Magazine quel “luogo d’incontro” aperto a tutti dove ritrovarsi per condividere argomenti, esperienze ed idee di interesse comune.

Desidero inoltre esprimere profonda riconoscenza ai nostri inserzionisti che negli anni hanno scelto Oltre Magazine per veicolare le proprie campagne pubblicitarie. Il loro sostegno non rappresenta solo una risorsa essenziale da cui la rivista non può prescindere, ma è anche indice di fiducia e un tangibile riconoscimento della validità del nostro giornale e, più in generale, del nostro lavoro.

Ed infine, “ultimo ma non meno importante”, un sentito ringraziamento mio e di tutta la redazione va ai nostri affezionati lettori che ci seguono con costanza ed entusiasmo e da cui spesso riceviamo gradite note di stima. Con tutti voi abbiamo condiviso un pezzo di storia e ci auguriamo di aver contribuito con il nostro operato a infondere dignità e orgoglio a questa professione, troppo spesso bistrattata, a cui va invece riconosciuto il suo grande valore sociale.

Non so che cosa ci possa riservare il futuro, mai come in questi mesi siamo diventati consapevoli di come le cose possano cambiare all’improvviso ed inaspettatamente. Di certo continueremo su questa strada con l’impegno e la determinazione di sempre, aperti a recepire ogni stimolo e ogni novità che ci possa far crescere ulteriormente e continuare ad essere di supporto agli operatori.
 
Alberto Leanza


Biemme Special Cars

Abbattitore Salme - Coccato e Mezzetti

GEM MATTHEUS - Creamazinoe animale

Rotastyle - L'arte del prezioso ricordo

STUDIO 3A - Risarcimento Assicurato SRL

GIESSE

Infortunistica Tossani

Alfero Merletti - Studio Legale

Scrigno del Cuore

Tanexpo